Tokyo 2020: ItalSciabola d’argento! E Samele bissa…

Ancora una medaglia olimpica al collo per il virtussino Luigi Samele, ancora un argento. E’ lo splendido bottino che il quartetto azzurro di sciabola porta a casa da Tokyo in una gara a squadre emozionante, in cui gli Azzurri hanno dato il meglio di sè per agguantare un altro podio olimpico dopo l’ultimo conquistato a Londra 2012 (a Rio non c’era la gara a squadre di sciabola maschile).

Allora come oggi su quel podio c’è Gigi Samele, che di quest’ultimo traguardo è stato, suo malgrado, protagonista solo in parte, avendo dovuto abbandonare le pedane dopo il primo assalto di giornata contro l’Iran a causa di un problema fisico. La sua presenza l’ha fatto però sentire a bordo pedana, incitando i compagni e soprattutto il suo sostituto, quell’Aldo Montano – il capitano, ex virtussino e alla quinta Olimpiade personale – che nonostante l’ingresso a freddo in semifinale ha saputo con tutto il proprio talento portare a termine una prestazione da campione, partecipando insieme agli ottimi Berrè e Curatoli alla bella rimonta sull’Ungheria del tricampione olimpico Szilagyi (45-43).

Dopo la prima impresa contro i magiari, il terzetto azzuro ne ha tentata una ancora più ardua nel tentare di fermare i favoritissimi Sudcoreani nell’assalto per l’oro. Troppo forti i campioni mondiali e olimpici in carica per i nostri sciabolatori, che hanno ceduto nettamente per 45-26. Passivo pesante, che non offusca però un’eccellente gara nel complesso e uno strepitoso, meritatissimo, argento.

Luigi Samele torna così a Bologna con due medaglie d’argento olimpiche, per la felicità della grande famiglia Virtus, che in questo 34enne campione foggiano ha sempre creduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche:

Eventi:

Un mese di scherma Gratis

Sostieni la Virtus Scherma